Enpaf Informazione online - settembre 2021

  • |
  • News
  • |
  • Enpaf Informazione online - settembre 2021

Enpaf informazione online Settembre 2021 

CONTRIBUTI
SCADENZA DOMANDA DI RIDUZIONE CONTRIBUTIVA

Il 30 settembre scade il termine per la presentazione della domanda di riduzione contributiva Enpaf, relativa all’anno 2021. Per i nuovi iscritti il termine di decadenza è fissato al 30 settembre dell’anno successivo a quello di prima iscrizione all’Ordine, relativamente ad entrambi gli anni di iscrizione.
Si ricorda che le categorie che possono accedere alla riduzione sono:
esercenti attività professionale in regime di lavoro dipendente: riduzioni del 33,33%, 50% e 85%
disoccupati temporanei e involontari: riduzioni del 33,33%, 50% e, per un massimo di 5 anni, 85%.
non esercenti attività professionale: riduzioni del 33,33% e 50%.
pensionati Enpaf non esercenti attività professionale: riduzioni del 33,33%, 50% e 85%.
titolari di pensione di vecchiaia o anzianità erogata dall’Enpaf che esercitano attività professionale senza ulteriore previdenza obbligatoria (per es. titolari di farmacia in pensione): riduzioni del 33,33% e 50%.

CONTRIBUTI
VERSAMENTO CONTRIBUTO 0,5% 

Entro il 30 settembre 2021 deve essere versato il contributo 0,5% relativo all’esercizio 2020.
Gli avvisi di pagamento PagoPA sono stati trasmessi il 1° settembre all’indirizzo di posta elettronica certificata delle società, dall’indirizzo pec enpaf@pecpopso.it.
Si tratta del contributo pari allo 0,5 per cento del fatturato annuo al netto dell’IVA dovuto dalle società di capitali, dalle società cooperative a responsabilità limitata e dalle società di persone, titolari di farmacia privata, rispettivamente con capitale maggioritario di soci non farmacisti o, nel caso di società di persone, con maggioranza di soci non farmacisti (art. 1, comma 441 della legge n. 205/2017). Il fatturato annuo al netto dell’IVA deve essere inteso come quello complessivamente prodotto dalla società, in quanto la normativa non stabilisce alcuna limitazione del prelievo contributivo alla vendita dei medicinali o di altri prodotti. Il contributo deve essere versato annualmente entro il 30 settembre dell’anno successivo alla chiusura dell’esercizio. Si ricorda che ogni modificazione della compagine societaria che comporti l’assoggettamento della società al contributo 0,5 per cento deve essere comunicata all’Enpaf entro trenta giorni dalla data di conclusione del contratto di cessione delle quote o delle azioni o della modifica dell’atto costitutivo.

ASSISTENZA
COVID – 19 LIQUIDAZIONE INDENNITÀ SETTEMBRE 2021 

Il 10 settembre sono stati pubblicati gli esiti delle istruttorie delle domande relative alle misure straordinarie a sostegno della categoria per l’emergenza sanitaria Covid-19, presentate a febbraio 2021.
Gli elenchi delle domande accolte e respinte sono consultabili attivando il seguente link.
La liquidazione del contributo per gli aventi diritto è stata disposta con data valuta 17 settembre 2021. Per le domande pervenute successivamente, seguirà la pubblicazione di nuovi elenchi. Si ricorda che il Consiglio di amministrazione dell’Enpaf ha deliberato la sospensione dell’iniziativa di assistenza a sostegno della categoria per l’emergenza sanitaria da covid-19 a decorrere dal 1° agosto 2021. Verranno valutate, entro i limiti dello stanziamento, le domande presentate entro il 31 agosto per eventi che si siano verificati fino al 31 luglio 2021.

CONTRIBUTI
ESONERO CONTRIBUTIVO PER I LIBERI PROFESSIONISTI
Il 31 ottobre 2021 scade il termine per la presentazione della domanda di esonero contributivo per i liberi professionisti. La legge di bilancio per il 2021 ha previsto l’istituzione di un Fondo destinato a finanziare l’esonero parziale dal pagamento dei contributi previdenziali dovuti, per l’anno 2021, dai lavoratori autonomi, iscritti alle gestioni speciali dell’Inps e dai professionisti iscritti agli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza di cui ai d.lgs.  509/1994 e 103/1996, dunque anche dai farmacisti iscritti all’Enpaf. Il limite massimo dell’esonero contributivo è fissato in 3.000,00 euro pro capite su base annua e potrà subire una riduzione sulla base del numero di domande presentate da parte di tutti i professionisti iscritti e accolte dai vari enti di previdenza.
La domanda deve essere presentata sul portale Enpaf Online. I dettagli riguardanti la procedura da seguire per la presentazione della domanda e i requisiti di accesso all’esonero sono stati pubblicati sulla homepage del sito internet dell’Enpaf, al seguente link: https://bit.ly/3yAhI2i .

CONTRIBUTI
RIPRESA ATTIVITÀ DI RISCOSSIONE ADER

Dal 1° settembre 2021 è ripresa l’attività di riscossione tramite cartella di pagamento, sospesa fino al 31 agosto 2021 dal Decreto Sostegni bis. I contributi Enpaf iscritti a ruolo negli anni 2020 e 2021, verranno quindi notificati con cartella dell’Agenzia delle Entrate Riscossione nel corso dei prossimi mesi. Dalla stessa data sono riprese anche le procedure esecutive promosse dall’Agente della riscossione e gli accantonamenti e versamenti successivi alla notifica di pignoramenti preso terzi temporaneamente sospesi.
Tutti i versamenti scaduti nel periodo di sopensione (8 marzo 2020-31 agosto 2021) dovranno essere effettuati, o dovrà essere richiesta la rateizzazione, entro il 30 settembre 2021.
Le originarie scadenze successive al 31 agosto, invece, rimangono invariate.
Per quanto riguarda la definizione agevolata (c.d. rottamazione), entro il 30 novembre 2021, dovranno essere pagate tutte le rate del piano in scadenza nell’anno 2021.
 

CONTRIBUTI
RIMBORSO QUOTE CONTRIBUTIVE VERSATE IN ECCEDENZA 
Gli iscritti, che nel 2021 hanno versato quote contributive in eccedenza rispetto a quelle dovute, riceveranno il rimborso nel corso dell’anno 2022. Gli importi indebiti corrisposti e rilevati anche d’ufficio, infatti, vengono rimborsati l’anno successivo a quello del versamento. Quest’anno, dunque, l’Ufficio sta effettuando i rimborsi delle quote indebite versate nel 2020.
La procedura: l’Enpaf individua periodicamente gli aventi diritto e invia agli stessi un modulo per l’indicazione delle coordinate bancarie presso le quali effettuare il versamento. Una volta ricevuti i moduli compilati da un numero consistente di interessati, di norma con cadenza trimestrale, l’Ente procede ai rimborsi.